Quality Score, non farti fregare i soldi da Google

Il Quality Score deve sempre avere un buon punteggio altrimenti una campagna pubblicitaria su Google può costarti più del dovuto.

Chiunque faccia campagne pubblicitarie a pagamento su Google è tenuto a controllare il proprio quality score costantemente ed apportare le modifiche necessarie affinché questo resti sempre abbastanza alto da potergli permettere di sfruttarne i vantaggi che derivano dall’avere il punteggio più alto possibile; punteggio che va da 1 a 10.

Introduzione: Per capire di cosa si parla

Uno dei modi per pubblicizzare il proprio sito internet infatti è quello di realizzare una campagna pubblicitaria utilizzando lo strumento di Google AdWords, un aspetto tecnico delle campagne con adwords che non viene tanto tenuto in considerazione è proprio il quality score, in italiano punteggio di qualità.

Il quality score è un aspetto molto importante perché è quel fattore che permette di spendere di meno ma di posizionarsi meglio rispetto ai partecipanti all’asta per una determinata parola chiave.

Per chi non lo sapesse una campagna pubblicitaria su adwords è impostata come un’asta, dove scelta una parola chiave i vari inserzionisti (quindi le aziende, i privati, i professionisti) puntano una determinata cifra per essere presenti con il loro annuncio nel momento in cui un utente effettuerà una ricerca con la parola chiave in questione.

Molto spesso mi è capitato di sentir dire che basta pagare più di altri per avere la certezza di apparire prima degli altri in lista.

Questo non è sempre vero, è anzi un approccio molto semplicitstico alla questione, se poi come mi è capitato di persona è un consulente di Google a dirtelo allora c’è il rischio che la cosa possa sembrare vera a prescindere, ed invece no, perché un consulente di Google ovviamente porta acqua al suo mulino.

Quali sono i benefici del Quality Score

Ma quali sono i benefici dell’ottenere un punteggio alto per il proprio quality score?

Costo per clic più basso

Un punteggio di qualità più basso sul tuo annuncio porterà ad un minor costo pagato per i clic ottenuti sull’annuncio.
Questo può fare la differenza nella campagna di un inserzionista con un budget pubblicitario limitato.

Aumento della posizione dell’annuncio

Come già spiegato nella Pubblicizzare n sito il vantaggio di una campagna PPC (Pay per Click) è quello di riuscire a raggiungere le posizioni più alte della prima pagina di un motore di ricerca in maniera immediata, semplicemente pagando.

Questo tipo di campagne è fatto perché chi più è in alto più clic riceve da chi effettua le ricerche.

Il quality score di Google è stato pensato però per evitare che nelle prime posizioni di una pagina vi fossero gli annunci di inserzionisti con delle pessime pagine di destinazione o con argomenti non inerenti alle ricerche effettuate dalle persone, in questo senso il quality score di Google sta a garanzia dell’esperienza che i suoi utenti vivono usandolo come principale motore di ricerca.

Questo perché Google esiste proprio per reperire loro quello che cercano quando lo cercano, se poi qualcuno li paga per questo ben venga.

Risparmio da reinvestire

Il Punteggio di Qualità di Google dunque se è alto permette di risparmiare sul costo dei clic per raggiungere una determinata posizione con un annuncio pubblicitario.
Questo risparmio nel complesso del budget pubblicitario predisposto per internet vuol dire avere più soldi da investire per ulteriori campagne o ulteriori operazioni online.

Incremento dei Guadagni

Se credi nella bontà delle campagne PPC è perché probabilmente hai ritenuto congruo il ritorno economico a fronte dell’investimento fatto.
Se quindi ottieni dei guadagni dalle campagne a pagamento alzando il tuo quality score, come detto nel punto precedente riuscirai a risparmiare e quindi il tuo guadagno sarà maggiore, perché l’investimento minore.

quality score, quando intervenire


Nell’esempio relativo ad un gruppo di annunci di una campagna adwords di uno studio odontoiatrico,
il quality score incide molto sulla posizione dell’annuncio che oscilla tra la seconda e la nona, nonostante un’offerta automatica che dovrebbe garantire un buon posizionamento.
In questi casi si interviene per alzare il punteggio di qualità dell’annuncio.

 

Come è determinato il Quality Score

Ogni volta che qualcuno effettua una ricerca su internet il quality score del tuo annuncio pubblicitario viene generato.
Viene generato tenendo conto di diversi fattori relativi al tuo annuncio ed al sito a cui l’annuncio punta ad indirizzare gli utenti:

  • L’aspettativa in merito al CTR generato da un annuncio per una determinata Keyword.
  • Il numero di clic in base al numero di volte che il tuo indirizzo web è stato mostrato.
  • Il CTR medio del tuo account ad words.
  • La qualità della pagina di destinazione dell’annuncio, quindi la sua rilevanza, navigabilità, trasparenza e informazioni contenute.
  • Quanto sono rilevanti le tue parole chiave per l’annuncio.
  • La rilevanze del tuo annuncio in base alla ricerca che effettuano gli utenti sui motori.
  • In base al tipo di preformance che il tuo annuncio ha sui differenti tipi di device come pc, laptops, tablets e smartphone.
    In questo caso però, in base ad ogni device ottieni un differente punteggio qualità.

Come visto, il quality score può incrementare notevolmente le performance di una campagna pubblicitaria, andando a toccare diversi aspetti che se migliorati possono portare ad una crescita della qualità del lavoro che l’inserzionista svolge non solo per sé stesso ma anche per gli utenti che cerca di attirare sul proprio sito.

Torna a Fare i Volantini

Incrementare la posizione del tuo annuncio e spendere meno per i clic sono secondo me aspetti importantissimi per chi usufruisce dei servizi pubblicitari di Google, in questo caso, ma in generale il concetto di una maggiore oculatezza nel modo in cui si spendono i propri soldi in pubblicità ed una maggiore attenzione all’analisi dei risultati sono essenziali, altrimenti è meglio tornare a fare i volantini.

Quindi prima di ogni campagna con adwords è importante valutare ogni aspetto affinché il quality score assegnato sia il più alto possibile.

Per una campagna già avviata invece è il caso di prendersi del tempo per valutare i vari elementi che determinano il quality score e nel caso in cui vi fosse la possibilità di effettuare qualche ritocco per incrementarlo allora è opportuno intervenire.

Nota: Le campagne adwords posso essere messe in pausa e poi riattivate senza difficoltà.

Forse questi articoli possono interessarti:

Come aumentare i clienti e le visite solo analizzando i dati già a disposizione

Cos’è adWords un post di Gabriele Marazzi

Pubblicizzare n sito

Servizi Seo

L’articolo è tratto da un pezzo di Jonathan Long dalle pagine di business2community.com

Giuseppe Schettino
Seguimi

Giuseppe Schettino

Founder Okkei.it at Okkei.it
Napoletano verace.
Divoratore di tecniche di Marketing che fondano economia locale e web.
Innamorato di ogni idea realmente creativa.
Giuseppe Schettino
Seguimi
Condividi Questo articolo se ti è stato utile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Maggiori informazioni. | Chiudi