TEST Google ti chiude il sito se è vecchio

Hai un sito web lento nel caricarsi?

Lo hai realizzato anni fa e te ne sei dimenticato?

Dovresti sapere un paio di cose.

1 Dal 28 Marzo 2018 Google ha deciso che il suo indice principale sarà quello utilizzato per chi cerca da smartphone.

2 Da luglio 2018 la velocità con cui il tuo sito si carica influenzerà il tuo posizionamento su Google.

 

Se non ti adegui, rischi di sparire.

Non mi credi ?

Ho le prove.

Un test realizzato dimostra che Google prima ti fa calare di posizione e poi de-indicizza il sito se è troppo lento.

Comincia a leggere.

Abbiamo parlato spesso di come il principale motore di ricerca mondiale, Google, si sia lanciato a capofitto in un mondo Mobile First, ovvero dove le esperienze degli utenti vengono trattate pensate prima da dispositivi mobili.

A tal proposito in molti articoli su questo blog, non ultimo quello relativo alla SEO Locale dal 2018 abbiamo evidenziato quanto proprio in virtù di una migliore navigazione da smartphone per Google i siti web debbano avere una velocità di caricamento delle pagine interne abbastanza rapida.

Infatti proprio nel 2016 Google annunciava che:

To make our results more useful, we’ve begun experiments to make our index mobile-first. Although our search index will continue to be a single index of websites and apps, our algorithms will eventually primarily use the mobile version of a site’s content to rank pages from that site, to understand structured data, and to show snippets from those pages in our results. Of course, while our index will be built from mobile documents, we’re going to continue to build a great search experience for all users, whether they come from mobile or desktop devices.

Per rendere più utile i nostri risultati, abbiamo iniziato degli esperimenti per il nostro indice dei risultati mobile-first.
Ad ogni modo il nostro indice di ricerca continuerà ad essere… ecc ecc…

Poi a Marzo 2018 Google ha annunciato il cambiamento, l’implementazione del nuovo indice mobile first.

Senza contare che ha annunciato da luglio che la velocità di caricamento sarà un fattore di posizionamento.

Il motivo dello speed update è identico a quanto detto prima, ed è lo stesso google a riportarlo:

People want to be able to find answers to their questions as fast as possible

Le persone vogliono trovare le risposte alle proprie domande nel modo più veloce possibile

Il Test che ho promesso di mostrarti

calo posizionamento per pagina lentaBene,

durante il quotidiano ed interminabile processo di Aggiornamento, durante un webinar online è stato mostrato un test.

Il test in questione mostra chiaramente l’effetto del mobile first index e dello speed update già in azione.

Infatti è stata appesantita una pagina web che si posizionava nei primi risultati di ricerca per una determinata parola chiave.

La pagina si caricava in più di 8 secondi da smartphone.

Come è possibile vedere dalla foto.

Questo ha portato la pagina ad un calo dalla 1° posizione alla 4°, per poi essere de-indicizzata nel giro di una settimana.

cosa impariamo da questo TEST

Che se non hai ancora provveduto a velocizzare le tue pagine o ad aggiornare il tuo sito web, non puoi stare ad aspettare.

Contattami.

Compila il form con la tua richiesta

Giuseppe Schettino
Seguimi

Giuseppe Schettino

Founder Okkei.it at Okkei.it
Napoletano verace.
Divoratore di tecniche di Marketing che fondano economia locale e web.
Innamorato di ogni idea realmente creativa.
Giuseppe Schettino
Seguimi
Condividi Questo articolo se ti è stato utile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Maggiori informazioni. | Chiudi