Attività locali, 5 cose da imparare da Brasile 2014

Le Attività Locali possono imparare da questo mondiale brasiliano cinque aspetti che fanno la differenza in una attività di marketing locale

demostene_ganrdi imprese da piccole opportunità_citazioni marketingQuesto mondiale in Brasile devo essere onesto non me lo sono gustato molto e forse sarà colpa della RAI, anzi lo è sicuramente, però le partite che ho visto mi hanno permesso di scoprirne aspetti che mi hanno ispirato personalmente questo post, che al tempo stesso potrebbe ispirare chi gestisce un’attività locale.

In questa edizione tra le tante squadre che vi hanno partecipato le piccole hanno dato una bella lezione alle grandi squadre blasonate.

Ho cercato di capire i motivi non tanto del calo delle grandi ma della crescita delle piccole squadre e poi mi sono accorto che sono le stesse cose che servono alle attività commerciali per affrontare un mercato ormai pieno di leoni.

Lo strapotere economico delle multinazionali, dei centri commerciali che uccidono i piccoli commercianti, una crisi economica che viene risolta con 80€, insomma ci sono molto aspetti negativi ai quali una attività locale deve far fronte per non soccombere.

Ecco dunque 5 cose che il mondiale brasiliano può insegnarci.

  1. ATTACCAMENTO alla MAGLIA

    I calciatori di queste piccole nazionali contro chiunque esse giochino hanno una grinta negli occhi ed una fierezza nel portare indosso la maglia della nazionale per la quale giocano.
    Ai Cileni contro il Brasile hanno fischiato l’inno, che rabbia nei loro occhi.
    La stessa grinta che un titolare o un qualsiasi dipendente di un’attività locale dovrebbe avere negli occhi nell’affrontare momenti negativi.

  2. GIOCO di SQUADRA

    La voglia di aiutare un compagno in difficoltà e di riproporsi 60 metri dopo per andare a coprire tutta la fascia, o ripiegare in fase difensiva e poi ripartire in contropiede senza ricevere palla ma solo per portare via un avversario al proprio compagno avviato verso la porta è si una buona norma per un calciatore ma è anche sinonimo di gioco di squadra, di lavorare per il collettivo, senza egoismi.
    Crea una squadra nella tua attività locale.

  3. ORGANIZZAZIONE

    Ho visto Davide fare un culo come una casa a Golia in questo mondiale, più di una volta ed uno dei motivi fondamentali è l’organizzazione, allenatori che hanno saputo dare ad ogni componente della squadre direttive precise per non essere colti di sorpresa.
    Fallo anche tu, organizza anche le piccole cose ed avrai meno grattacapi.

  4. SACRIFICIO

    Lo spirito di sacrificio influenza il gioco di squadra perché se i componenti della squadra non sono disposti a sacrificarsi per il bene comune allora c’è poco da fare.
    Tu sei l’allenatore, se organizzi bene la tua attività imprenditoriale, se crei una squadra, ti ritroverai con dipendenti attaccati all’attività locale che gestisci ed anche disposti ad un sacrificio, ma non approfittarne ovviamente.

  5. STRATEGIA

    Le piccole squadre di questo mondiale hanno saputo riconoscere i propri limiti e sfruttare invece quelli che sono i loro punti di forza.
    La Costa Rica ad esempio ha giocato con un rigore tattico impressionante, mentre la Colombia ha sfruttato quei razzi che si ritrova sulle fasce per servire il fenomeno che si ritrova in attacco.
    Insomma anche tu puoi ottenere ottimi risultati se implementi per la tua attività una strategia di comunicazione.

Consiglio Bonus:

Puoi definire una strategia di comunicazione vincente è indispensabile fare il punto della propria situazione attuale.
Forse questo articolo può aiutarti.

Giuseppe Schettino
Seguimi

Giuseppe Schettino

Founder Okkei.it at Okkei.it
Napoletano verace.
Divoratore di tecniche di Marketing che fondano economia locale e web.
Innamorato di ogni idea realmente creativa.
Giuseppe Schettino
Seguimi
Condividi Questo articolo se ti è stato utile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Maggiori informazioni. | Chiudi